Jules Verne incontra Doctor Who sull’isola del Dr Moreau

Il mercato dei videogiochi sta vivendo un momento strano. La nostalgia sta prendendo il sopravvento più o meno su tutti ma in modi diversi. Ci sono case produttrici che sfornano vecchi classici in HD (vedi Capcom e Konami) e altri che la nostalgia la propongono nel gioco stesso. Dopo l’ uscita di Bioshock lo steampunk si è impossessato prepotentemente delle nostre console. Moltissimi giochi sono ambientati in universi vittoriani con macchine ipertecnologiche di improbabile fattura, dal discreto Aqua, passando per i più recenti episodi di Final Fantasy fino ad arrivare al vintagissimo Stacking. Insomma lo steampunk, il vapore, la ferraglia ricevono sempre più consensi.

Che vor dì steampunk? - Dai è quell' ambientazione che stanno nel futuro però la tecnologia è un po' nammerda

Qualche settimana fa è stato rilasciato per il mercato live arcade un piccolo grande sparatutto che si chiama Sine Mora.

Partiamo col dire che il gioco è un po’ costoso (1200 mps, mortacci vostra microsoft demmerda, porco £$%”&! e porca mad&%$$£) ma che per ora vale tutti i punti spesi. La trama non l’ho capita perchè ho appena iniziato, ma al contrario di quanto si possa pensare è molto adulta: figli morti, vendette, stupri, violenze di massa, uno spasso.

Viviamo in un mondo abitato da bufali, ghepardi, lucertole e conigli antropomorfi e l’Impero (non importa quale, “un Impero”) vuole impossessarsi della nostra capacità di viaggiare nel tempo. I nostri eroi si metterano al volante (?) dei loro aerei (che insultano ogni esistente legge dell’ aerodinamica) per sconfiggere l’Impero una volta per tutte, tranne il bufalo paralitico che vuole solo vendicarsi per il figlio morto.

Ar bufalo paralitico nun je devi cacà er cazzo

E’ giunta la tua ora

In questo gioco non ci sono barre di energia, e non si muore al primo colpo come i classici sparatutto. All’inizio di ogni sezione ci sarà un indicatore di tempo che a seconda del livello e della difficolta potrà variare da 99 secondi a 20 circa. L’indicatore del tempo segnala lo stato di salute del velivolo, quand’è al massimo incasseremo bene ogni tipo di attacco (anche se gli attacchi ovviamente accelerano il conto alla rovescia) , sotto i 20 secondi pochi proiettili ci manderanno al creatore. Durante il gioco avremo 2 tipi di attacchi, uno normale potenziabile con i power up e uno secondario che cambia in base  al pilota scelto.

Presto che è tardi

Il potere che rende questo gioco divertente è sicuramente la facoltà di alterare il tempo. Nella modalità storia potremo rallentarlo nei momenti più difficili, come manovre in spazi angusti o attacchi devastanti dei boss (e ce ne sono a iosa). Nella modalità arcade possiamo selezionare il potere di mandare indietro il tempo anche se si viene abbattuti, ma non ne ho ancora saggiato l’ utilità.

Questo è uno dei casi in cui vi conviene rallentare il tempo

Aerei Amari

L’unico grande difetto di Sine Mora è la totale assenza di multiplayer, sia locale che online. Ok, abbiamo tre modalità di gioco e la difficoltà è alta (vi consiglio di giocarlo a folle, una sfida vera), e il multiplayer sugli sparatutto orizzontali non è mai il massimo, però uno sforzo si poteva anche fare, che cazzo, su R-Type funzionava alla grande.

Che vi devo dire, a me questo giuochino piace un frego e lo consiglio a tutti gli amanti del genere e forse anche ai non amanti, altrimenti giocatevi Galaga Legions DX che è bello bello in modo assurdo.

Nel frattempo mi ripasso la storia degli sparatutto, argomento che mi è valso la terza laurea all’Università Di Tulsa.

Statua di Te Sbundle a Tulsa

 

3 querele

Pikkiomania

Madonna ma è uno di quei così coi chicchi di riso da evitare no? (i colpi dei nemici che mi paiono chicchi di riso). Cmq STACKING devo giocarci ora che è su steam.

Controquerela Controquerela
zamjatin

VAPORTEPPA!

comunque questo fatto di rallentare il tempo è un chiaro insulto alle abilità occidentali; i veri otaku giapponesi giocano a Touhou a velocità massima con la mano destra, mentre accarezzano la realdoll con la sinistra. vogliamo forse farci mettere in difficoltà dai musi gialli?

Controquerela Controquerela

Sporgi querela!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <p class=""> <img src="">