videogame_asset
local_offer Recensioni

Metro: Last Light è un gioco versatilissimo:

  1. Hai votato Abberluscone e non vedi l’ora di sfogare la tua frustrazione sparando ai COMUNISTI? Lo puoi fare!
  2. Hai votato Abbersani (o meglio ancora, Renzy) e smani dalla voglia di rottamare tutti i vecchi NAZISTI? E che problema c’è?
  3. Hai votato a Peppe Crilla? Guarda, è pieno di mutanti, alieni, alieni-mutanti e di gombloddi, quindi davvero no problem, puoi sparare a loro.
GOMBLODDOOOOOOOOO!!!!!!!!!111111111
GOMBLODDOOOOOOOOO!!!!!!!!!111111111

Metro: Last Light è un gioco di Korea del Nord che butta le bombe agli U.S.A. e poi da la colpa alla Russia e tutti iniziano a bombardarsi, e quindi diventa un casino di radiazioni e mutanti e neo comunisti e nazisti che vogliono conquistare il mondo e a Mosca la gente va a vivere nei tubi della metro (da cui appunto il titolo).

Il gioco in se è molto fico, se consideriamo che è stato prodotto con un budget di 10 rubli da una compagnia che usa dei computer alimentati a solanum tuberosum. Certo qualche glitchetto ce l’ha (a me ha crashato una volta in 10 ore) ed è forse un pochino troppo lineare in alcune parti per chi ha gusti troppo raffinati, ma queste parti reggono lo stesso data la tensione claustrofobica comunicata da questi tunnel metropolitani russi del cazzo pieni di ragni mutanti, scorpioni mutanti, ratti mutanti e soldati che parlano tutti come l’astronauta russo di Armageddon.

Persona dai gusti raffinati
Persona dai gusti raffinati

Ma sono le parti non lineari a far sborrare davvero: ogni tanto vi trovate ad uscire dagli accoglienti tunnel del cazzo per visitare la superficie, una specie di enorme discarica a cielo aperto tipo Napoli però invece è Mosca, bersagliata da venti radioattivi, piogge acide, virus letali e bestemmie. Per poter girare qua fuori serve una maschera antigas dotata di filtri, commodity assai rara nel mondo di Metro, e infatti vi troverete nel panico a scappare da frotte di mostri bastardi alla ricerca di un luogo chiuso con 30 secondi residui sull’ultimo filtro rimasto (bellissimo il fatto che quando c’è poca aria residua il protagonista respiri tipo il Baffo delle televendite). Tra l’altro i mostri in superficie sono ancora peggio di quelli di sotto, più incazzati e più brutti tipo pipistrelli giganti o enormi gamberi corazzati con la faccia a forma di vagina che porca puttana non mangerò più un uramaki in tutta la mia vita.

Poltale wasabi si?
Poltale wasabi si?

Altra cosa molto spaccona da notare è come il gioco sia quasi completamente privo di hud (a la Dead Space) in modo da rendere l’esperienza più immersiva, per cui il tempo residuo dei filtri lo leggerete intravedendo l’orologio sul polso del protagonista, mentre la quantità di schiaffi pugni e calci subita la potrete intendere dal numero di crepe sulla vostra maschera, che vorrete sostituire al più presto perchè dopo un po’ tra bozzi, sangue e fanghiglia non vedrete più un cazzo (c’è il tasto per passare una mano sul vetro, ma come coi telefonini viene tutto a merda peggio di prima spesso). CHE ANSIA!

CAZZO MERDA!
CAZZO MERDA!

Le armi sono fichissime tutte rappezzate coi tubi del gas rotti e le gambe dei tavoli, e cosa ancora più bella in questo mondo post-apocalittico l’unica valuta esistente non è, come si potrebbe pensare, il pane o l’acqua o lo zucchero o la bamba, bensì le munizioni di grado militare, che potete barattare con orridi mercanti zingari in cambio di armi taroccate, oppure potete decidere di spararle direttamente sui vostri nemici, in quanto fanno generalmente più male delle munizioni artigianali più facilmente reperibili, fabbricate con materiali tipo graffette, sassetti, caccole oppure la devastante granata con dentro i pezzi di LEGO.

4992092905_fc6c253c63
L’arma artigianale più micidiale nei tunnel della metro di Mosca

Graficamente non saprei dire dato che ci gioco su PS3 con cui fa cacare tutto, però vedendo come giri bene in 1080p senza screen tearing e con un buon frame rate stabile probabilmente su PC è una roba spaziale.

Insomma, con un budget pari a quello di Bioshock Infinite (il link rimanda alla mia recensione, ma verrà sostituita con quella di Pikkiomania quando sarà pronta cioè mai) avrebbe potuto essere il gioco del secolo, così è sicuramente una gran bella cosa.

La trama è carina ci sono le donne (russe) nude gli accenti buffi le pistole strambe i mostri i nazisti i comunisti in pratica mancano solo i negri cazzo volete di più COMPRATEVELO!!!

10.0

7 querele

INCREDIBILE QUESTO GIOCO E’ DUE VOLTE PIU BELLO DI BIOSHOCK INFINITE TEH GEMS ME L’HA CONFERMATO IN CHAT CI SI COMPRA UN UBER PC APPOSTA BRAVO SHOE AMMETTILO CAIZZI MERDA

Controquerela

Minaccia una querela

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.