Wasteland 2 – 2

CRPG (inXile Entertainment, 2014, PC)

Dite quello che vi pare, ma per me Wasteland 2 >>>> Fallout: New Vegas.
Certo, il sistema di controllo delle abilità è assurdamente macchinoso (problema risolto con la Director’s Cut che però introduce un’altra pletora di bug del cazzo che mi hanno indotto a fermare la partita in attesa di tempi migliori), ma per tutto il resto è molto più ingrippante. Cioè incredibili quest super coinvolgenti in Wasteland 2 !!! hai proprio a cuore il tuo party e l’andamento della vita in Wasteland 2 !!! Quanto fa fico esse ranger? un botto !!! Cioè mammamia, capito entri nel gioco e sei ranger: S-T-U-P-E-N-D-O. Poi il character creation lascia tutto lo spazio possibile ad interpretazioni di ruoli tipo: il cecchino, il pistolero, il bombarolo, il mitraglia e così via. E te li crei in un modo così bello fluido e coinvolgente che roba come il nuovo X-Com in confronto è cacca. Contemporaneamente Wasteland 2 (ed è qui che fa il miracolo) riesce anche ad essere iper complesso senza motivo.  Avete presente Jagged Alliance 2 ? In confronto a W2 quella robetta dei mercenari in africa è fin troppo liscia e facile !!! Un giochillo scemo.
Evviva il rinascimento dei CRPG! Evviva la fregna!

Scherzavo! In realtà Wasteland 2 è una schifezza noiosissima e il rinascimento dei CRPG (cioè tipo pijà le cose più noiose e brutte in culo di sistemi obsoleti) è la più grande truffa dell’occidente, completamente realizzatosi in tutto il suo orrore in operazioni nostalgia inutili come sto Wasteland 2. Per fortuna che ci sono giochi simpatici come TW3 e D:OS (mi fido di copons che dice che è bello) che rappresentano il vero rinascimento del videoruolando.

Voto: 2


100K Mila Recensioni in 100K Mila Giorni è l’eccezionale rubrica di Gioca Giuè in cui Pikkio recensisce ogni singolo videogioco mai realizzato nella storia dell’universo, il cui totale stimato è appunto, uno più uno meno, 100K mila (avete capito bene: 100000000).
Come da titolo, pubblicheremo una recensione al giorno da qui all’eternità.

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

1 querela

Sporgi querela!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.