Giochi di escursioni e arrampicate
videogame_asset
local_offer Recensioni

Correvano gli anni ’80, i videogiochi spopolavano, Mario era più famoso di Topolino e si trombava di nascosto Minnie che, vero che si atteggiava da pudica santarellina, ma qualsiasi topa si sarebbe bagnata alla luce di quel successo, di quella fama, di cotanta gloria.

Erano gli anni dei giochi stronzi, un periodo che, prima di quello, non esistevano le bestemmie. Artefici di tutto i sadici programmatori giapponesi, imbattibili nel torturare l’utente finale gettandolo nello stato psicologico di chi è affetto da Sindrome di Stoccolma.

Una cosa tira l’altra ed arriviamo ad oggi:

Una-cosa-tira-altra
Brian Joseph Regan spiega il concetto

 

2013, il giappone intero è sconvolto dalle esplosioni di centrali atomiche. Gli oceani giapponesi sono scomparsi, rendendo più comoda la caccia alle balene e le pianure hanno l’aspetto dei negozi al lancio di WiiU; Desolati Deserti. Tuttavia, la razza giapponese dei programmatori è sopravvissuta.

Questo popolo di derelitti allo sbando, ormai incapace di produzioni di rilievo, si vede costantemente umiliato dai colleghi Yankee che non si vergognano a sbattere su quelle povere faccette gialle i loro titoli tripla A, come nei peggio porni di sesso estremo che poi trovi le gif su PornFail.

 

Uno Yankee alla ricerca di un raro programmatore giapponese che si era nascosto nelle mutande di Lady Gaga, in tour in Giappone in quel periodo.
Uno Yankee alla ricerca di un raro programmatore giapponese che si era nascosto nelle mutande di Lady Gaga, in tour in Giappone in quel periodo.

Ma i Sol Levantini, si sa, sono orgogliosi per indole; può passare anche del tempo ma prima o poi te la fanno pagare, tornano con stile ad offuscare tutte le produzioni a StelleStriscie di sempre.

Così nascono Demon/Dark Souls e tutti i forum del mondo improvvisamente fanno pippa, spariscono i commenti “giappone is the dooomed!!!11!1” e vecchi giocatori si trovano catapultati in quell’era di trial and error che aveva caratterizzato la loro infanzia, mentre giovani ragazzetti tutto tutorial e guide Youtube sperimentano per la prima volta nella loro vita il vero significato di masochismo videoludico.

Questo solo per dire che Dark Souls, l’unico che ho giocato perché uscito anche per Xbox 360 e, prima di lui, Demon Souls (sicuramente più brutto perché esclusiva PS3), sono due capolavori incontrastati della generazione attualmente al capolinea, quei titoli che altre testate più influenti e meglio organizzate della nostra ficcherebbero senza troppi problemi nella “Top 10 titoli…” o speculare classifica generata da programmi scritti appositamente per stilare liste a cazzo.

 

Stabilito questo, dimenticatevi Dark Souls (o meglio, leggetevi la nostra recensione ); oggi si parla di altro, con molti punti in comune con il citato titolo From Software:

–         E’ una rarità che ti farà esclamare “Guarda questi giapponesi! quando non sono impegnati ad importunare studentesse in metropolitana coi loro tentacoli al posto del pene, qualcosa di buono lo tirano fuori.

–         E’ una simulazione di Medioevo di quelle che ammazzi chimere, viverne, draghi, goblin (tanti goblin, a sentire i PG. Ad esempio  ne hai uno davanti e tre Troll enormi e questi comunque si preoccupano del goblin, che tipo a confronto è Brunetta che gioca una partita contro gli Harlem Globetrotters). Ci siam capiti, insomma, una simulazione realistica.

–         E’ un gioco che non giochi con gli amici, pur offrendo opportunità online. E’ più una situazione dove sfrutti il lavoro degli altri, in culo a cooperativa, collaborazione e volemose bene. Al grido di “Armiamoci e partite!” potrete così spedire validi collaboratori verso il massacro, stando comodamente ad ammirare la scena dalla distanza, intervenendo solo per arraffare l’eventuale bottino.

Brunetta entra in modalità berserk prima di un attacco
Brunetta entra in modalità berserk prima di un attacco

Questi alcuni degli aspetti che Dragon’s Dogma (il titolo in questione, non fate come se non aveste capito) condivide con Dark Souls; ambientazione, particolare impianto online e, in generale, una struttura e una realizzazione di alto livello.

Inoltre, pur non parlando di un prodotto da “nuovo vocabolario delle bestemmie 2013”, si tratta comunque di un vg discretamente impegnativo. L’unico sollievo nell’estenuante lotta contro la malvagità che permea le terre di Gransys sarà dato dagli aiutanti, ignare “pedine” alla mercé di qualsiasi giocatore.

Accennavo infatti alle possibilità online di questo gioco che si traducono in uno scambio più o meno equo e solidale di PG; nella migliore delle ipotesi vedrete il vostro personaggio secondario evolvere e migliorarsi senza che a voi sia dato sapere dove o con chi abbia ottenuto tutta quell’esperienza, un po’ come quando hai una fidanzata che fa bene i soffocotti e tu ne godi fino a quando non ti capita di chiederti come sia arrivata ad ottenere quei risultati e quindi entri in paranoia.

Alla peggio nessuno si cagherà il tuo PG e toccherà a te livellare; a questo punto entreranno in gioco le pedine di amici e conoscenti che avranno la stessa utilità dei soldati afroamericani inviati nei territori di guerra.

Un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo ...
Un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo …

 

Dragon’s Dogma è un po’ tutto questo ma è anche un videogioco di escursioni e pure un rarissimo esponente dei giochi di arrampicarsi sulle cose; capita infatti che, come ogni RPG che si rispetti, tutti ti riconoscono da subito come il salvatore del mondo e sono consapevoli che sei l’unico in grado di svolgere compiti importanti e dunque te li assegnano, cose difficili come “andare dal Baffo Moretti per scoprire l’ingrediente segreto della sua birra” e tu ci vai di corsa, un po’ per il lauto compenso offerto un po’ perché andarlo a menare ai draghi sembra, sulla carta, una cosa leggermente più complicata, quindi meglio procrastinare. Dato che a quelli di Capcom faceva noia programmare mezzi di trasporto (metti che poi Giulietto Chiesa avviava una campagna contro DD perché ti capitava di rubare cavalli o carretti ed eri istigato a delinquere) te la devi fare tutta a piedi. Dal punto A al punto B. Ore di camminate. Poco male, il gioco è bello e piacevole da guardare, le camminate te le fai anche volentieri; un pochino meno se, sulla via del ritorno, prendi una scorciatoia e ti trovi di fronte un bestio inaspettato che ti massacra e bestemmi come un dannato perché l’ultimo salvataggio risale ad ore prima (capace però che non bestemmi dato che avevi appena salvato, questa la sostanziale differenza con Dark Souls).

Quando ti sei stancato di escursioni basta che ti allontani un attimo dai sentieri e sicuramente puoi incappare in scontri di ogni tipo, dove finalmente potrai mettere in pratica tutta la tua abilità nella scalata; puoi infatti attaccarti come una zecca a qualsiasi nemico e arrampicarti su quelli più grossi, in modo da avere una visuale di favore sul massacro dei tuoi compagni. Divertente fino a quando non ti rendi conto che i boss più grossi hanno mosse segrete per spaccarti il culo anche se sei nascosto sotto le loro ascelle.

Informazioni random per chiudere bene la recensione

Arrivati fino a qui avrete certo capito quanto divertimento porti con se una partita a Dragon’s Dogma; se quindi stimolati all’acquisto vi informo che esiste la versione retail intitolata Dragon’s Dogma: Dark Arisen. Altro non è che il gioco completo nel quale troverete anche un’espansione rilasciata in precedenza come DLC. Se invece volete una versione in DigitalDelivery (DD, seguite il discorso …) tenete gli occhi aperti, era in offerta fino a qualche giorno fa e sicuramente la troverete a poco nei soliti canali.

Ho provato ad accedere alla nuova area di gioco data dall’espansione ma sono stato fatto stronzo dai primi simil-lupi incontrati, dovrò livellare ancora un po’ ammazzando galline, prima di farvi sapere com’è.

Capcom è presa in questo periodo nella realizzazione di un free-to-play esclusivo per PS4 (distribuito in DD, mica a caso), tale Deep Down; anche se ci tengono a far sapere che i due titoli non avranno nulla a che fare, sembra di essere di fronte ad una versione potenziata e migliorata di Dragon’s Dogma (DD):

Eppoi cosa sono tutte quelle D ? Sarà un caso? Io dico di no! Gomblotto! Lo sappiamo cosa vogliono in Capcom!

The-D

 Voto:

Raoul-Carbone

 

 

 

POSTILLE

  1. Io sarò anche stronzo e mi metto a scrivere recensioni dettagliatissime scoprendo alla fine che già esistevano. Giocando solo ora con un po’ di impegno a Dragon’s Dogma ho pensato di condividere; se volete un parere meglio Kid Icarus vi accontenterà di sicuro. La sua descrizione del funzionamento delle pedine non si batte XD
  2. Chiedete a Copons di parlarvi di Game Center CX, saprà arricchire la descrizione con fantastici aneddoti dei suoi viaggi in giappone.

 

 

 

 

DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA!

Recensione a cura di Shadow Zambos

DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! E’ UN GIOCO DELLA MERDA E SOPRATTUTTO NON E’ QUELLO RECENSITO DA QUEL COGLIONE DI ZAMBONS  E’ INVECE UNO DEI MASSIMI ESPONENTI DEL GENERE DIARREA DIGITALE CHE “E DDOVE SARAI QUANDO TI SORPRENDE?” SEDUTO SUL MIO DIVANO A GIOCARCI, DOVE CAZZO DOVREI ESSERE? E TRENTA ORE FILATE CI SONO RIMASTO SU QUELLO STRONZO DIVANO PIAGHE DA DECUBITO A TESTIMONIANZA ORE CHE NEANCHE HO USATO PER LA TRAMA PRINCIPALE CHE TANTO LE MISSIONI SECONDARIE OREOREORE DI CAMMINATE E MANCO SONO ENTRATO NEL CASTELLO PRINCIPALE ALMENO LI’ C’ERA DA CHIAVARE DA QUEL CHE HO LETTO IN GIRO INVECE COL CAZZO E HO AMMAZZATO SOLO GOBLIN.

POI E’ SUCCESSO CHE DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! HA DECISO DI FOTTERSI TUTTI I SALVATAGGI E DIRMI “PERCHE’ NON RICOMINCI TUTTO DA CAPO E LO GIOCHI MEGLIO L’HO FATTO PER TE DI CANCELLARE IL SALVATAGGIO CHE MI PAREVI UN MINCHIONE CON QUEL PERSONAGGIO MEGLIO CHE TE LO RIFAI PIU’ BELLO” MA STOCAZZO CHE RICOMINCIO E QUINDI ORA TIRO FUORI TUTTO IL BRUTTO DI DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! CHE ZAMBOS HA EVITATO DI DIRVI , TIPO SAPEVATE DELLA GRAFICA SLAVATA FATTA DA CAPCOM APPOSTA PER FARVI CALARE LE DIOTTRIE VISTO CHE HANNO STRETTIO ACCORDI SEGRETISSIMI CON LA SALMOIRAGHI E VIGANO’??? SAPEVATE DEI NEMICI CHE POPPANO AD UN CENTIMETRO COME NEI VECCHI GIOCHI TIPO IL PRIMO TUROK CHE PAREVA MILANO NELLE BELLE GIORNATE E C’ERA LA NEBBIA SEMPRE A DUE PASSI DAL PROTAGONISTA COSì NON VEDEVI I POPUP E QUI LA NEBBIA SOLO LA NEBBIA MANCO C’è E CI SONO SOLO I POPUP? SAPEVATE CHE DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! E’ UN GIOCO VECCHIO DI MECCANICHE VECCHIE PERSONAGGI VECCHI NEMICI VECCHI STORIA VECCHIA INVENTARIO STRONZO ED E’ UNO DEGLI ARGOMENTI PRINCIPALI IN TUTTI I CIRCOLINI DEL MONDO DOPO “CHI OFFRE IL PROSSIMO GIRO DI BIANCO” E “GIOCA L ASSO DI BASTONI DIOCANE!”? SAPEVATE CHE CAPCOM è CONTRO LE STAMINALI E HA VOTATO PER LA GRAZIA A BERLUSCONE?

DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! E’ COSì BRUTTO CHE IL MASTER DEL GIOCO è ESPOSTO AL VIGAMUS E SE NONOSTANTE QUESTO DECIDETE DI GIOCARLO LO FATE CONSAPEVOLI CHE IL 90% DEL RICAVATO DI CAPCOM DATO DA DRAGONSDOGMAPORCAMADONNA! VIENE DEVOLUTO AL MOVIMENTO DEI FORCONI. L’ALTRO 10% INVECE LO USANO PER CURARSI LE EMORROIDI CHE DA IERI STO AUGURANDO A TUTTI I DIPENDENTI.

 

 

 

 

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

16 querele

Minaccia una querela

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.